Alloggi attraenti nelle Alpi con la sua acqua di pesce

Vacanza da sogno non ancora agganciato?

Richiesta preventivo
Alloggi attraenti nelle Alpi con la sua acqua di pesce

Vacanza da sogno non ancora agganciato?

Richiesta preventivo
Alloggi attraenti nelle Alpi con la sua acqua di pesce

Vacanza da sogno non ancora agganciato?

Richiesta preventivo
Alloggi attraenti nelle Alpi con la sua acqua di pesce

Vacanza da sogno non ancora agganciato?

Richiesta preventivo

Notizie correnti

Fuscher Ache – fine stagione ai piedi del Großglockner

Fuscher Ache – fine stagione ai piedi del Großglockner

Adrian, un pescatore a mosca bavarese, racconta la sua vacanza di pesca nella valle Fuscher.

In Val Fuscher è arrivato l’autunno. I primi presagi dell’autunno non possono essere trascurati. Uno spettacolo naturale di colori in questa cornice unica. La catena del Großglockner con le sue cime leggermente saccarificate è più imponente che mai. I boschi dai colori accesi, i prati semiverdi, un cielo azzurro in cui ogni tanto un’aquila gira i suoi cerchi, il tutto immerso in una calma paradisiaca. Solo raramente in questo periodo dell’anno si sente l’urlo delle marmotte non ancora addormentate, che percepiscono ogni tipo di pericolo. E il Fuscher Ache si snoda attraverso questo paesaggio – come un rivestimento d’argento. Con le sue sorgenti ai piedi della catena montuosa, è un vero paradiso per i pescatori a mosca . Da lì a Ferleiten ci sono circa cinque chilometri di torrente incastonati nella Käfertal . In realtà è il gioiello del Fuscher Ache, che scorre fino a sfociare nel Salzach . L’ancora giovane Ache forma un percorso incredibile attraverso boschi, piccoli prati e ostacoli, che è perfetto per la trota fario a macchie rosse come area di vita e che richiede ogni abilità da parte dei pescatori a mosca.

Inizia la vacanza di pesca perfetta

Era quasi la fine di settembre e, come ogni anno, sono tornato con mia moglie per fare una vacanza di due settimane. A compensazione della pessima stagione di pesca causata dalla lunga siccità, questa vacanza è arrivata proprio al momento giusto. Era una domenica all’ora di pranzo quando siamo arrivati a casa della famiglia Hollaus alla fattoria dei pony . Gioia da tutte le parti di rivederti. “Bel tempo per la pesca”, ha detto Rudi, il padrone di casa. C’erano circa 27 gradi, in realtà non comuni per il periodo dell’anno, e secondo il bollettino meteorologico dovrebbe rimanere così per alcuni giorni.

La giornata è passata come un primo giorno di vacanza, ma in fondo alla mia mente la mia pianificazione della pesca era in pieno svolgimento. Dato che i miei due amici, Hubert, il membro del consiglio del club di pesca Fuscher Ache, e Werner, il sovrintendente e direttore dell’acqua, non c’erano, ho deciso di fare il mio primo giro di pesca da solo. Conosco il Fuscher Ache come il palmo della mia mano, ma una bella chiacchierata nel mezzo è sempre la benvenuta.

Ho affrontato un tratto dell’Ache nella zona di Fusch, guidando tra il Bärenwirt e il distributore di benzina alla fine del paese in direzione di Bruck. L’acqua era come in un libro di testo: il livello era mediocre, quindi si potevano vedere molte pietre che spuntavano dall’acqua, acqua completamente limpida e molta attività di insetti nell’aria. Dopo le prime ore ero elettrizzato, perché in realtà era come si desidera una giornata di pesca. Martedì Hubert è venuto in albergo e siamo stati molto contenti di rivederci dopo tanto tempo. Di solito ci incontriamo sempre all’EWF. Purtroppo quest’anno non ha funzionato. Seppi da lui che un redattore della rivista svizzera “Petri Heil” voleva pescare in questi giorni e scriverci un servizio. Presi nota e Hubert mi disse che mi avrebbe tenuto informato. Tutto è andato diversamente dal previsto.

In partenza per Käfertal

Il giorno successivo era previsto per la Käfertal . Chiunque abbia assaggiato il sangue una volta ritorna ancora e ancora. Ho lasciato l’auto nel parcheggio all’inizio della Käfertal vicino alla piccola locanda (da Toni’s) e, accompagnato da mia moglie, responsabile delle foto, mi sono diretto verso Quellen. Il torrente si raggiunge molto facilmente dalla strada forestale , in quanto scorre parallelo. Dotato di una canna da 9 piedi classe 4 e di un fly box con poche fantasie, sono andato a pescare. Ogni volta che sono a Käfertal, penso sempre al mio amico Sigi, che purtroppo ci ha lasciato troppo presto. Quando ha pescato per la prima volta il Fuscher Ache, ci siamo incontrati dopo e gli ho chiesto com’era, mi ha detto: “Adrian, l’acqua ha richiesto tutto ciò di cui ero capace fino a quando non ho catturato il primo pesce. ” E aveva pescato a mosca in giro per il mondo per ben cinquant’anni. Ci sono stato così spesso che conosco quasi ogni pietra dalle sorgenti a Ferleiten. Da quando ho imparato la mia infanzia e la pesca a mosca nei torrenti di montagna, non è stato particolarmente difficile per me pescare qui sul Fuscher Ache.

Sorprendente inversione di tendenza

La giornata è andata avanti, quasi come previsto. Le prime cucciolate hanno portato le prime trote. Tuttavia, era impossibile trascurare il fatto che i pesci non erano tanto interessati a ciò che mangiavano quanto alla loro imminente deposizione delle uova. Anche il clima di settembre ha avuto il suo effetto. Temperature dell’acqua basse al mattino presto e nevicate verso mezzogiorno. Tuttavia, è stata una riunione di successo con la Käfertal. Nel pomeriggio ho pescato sotto il benzinaio in località Fusch e lì, passata la neve, alcune persone “tamponate” si sono interessate alle mie mosche. C’erano una bellissima trota iridea e un salmerino. Mentre la cena si avvicinava, mi diressi alla fattoria dei pony.

Quando stavo per togliermi l’attrezzatura da pesca, Rudi è venuto verso di me e mi ha detto che avrei dovuto chiamare Hubert oggi. Sarebbe molto, molto urgente. Dato che gli avevo parlato solo il giorno prima, non ero sicuro di cosa fosse così urgente. L’ho scoperto pochi minuti dopo. Quando ho sentito Hubert al telefono, mi ha detto con voce un po’ disperata: “Adrian, devi assolutamente aiutarmi. Il giornalista svizzero è arrivato e devo andare a Kufstein per un appuntamento imprevisto. Werner sta pescando all’estero e tu sei l’unico che è lì e conosce l’Ache come nessun altro. Per favore, accompagna Erich per i pochi giorni vicino all’acqua in modo che possa fare il rapporto”. Cosa non fare per gli amici. Ci siamo incontrati quella stessa sera all’Hotel Römerhof e ho conosciuto una coppia molto simpatica, simpatica e di mentalità aperta. Erich è editore della rivista svizzera di pesca Petri Heil e ha sentito molto parlare della zona di pesca di Fusch. Voleva scrivere un rapporto su di esso.

Lavoro di stampa presso l’acqua di pesca

Ci siamo incontrati il giorno successivo e abbiamo pianificato la Käfertal per iniziare. Abbiamo sperimentato gli stessi capricci della natura come ho fatto io un giorno fa. Erich si è rivelato un buon ascoltatore quando gli ho spiegato i piccoli segreti dell’Ache . Era felicissimo quando la prima trota si contorceva sulla sua lenza. Anche Erich ha ricevuto le sue foto per il rapporto e abbiamo lasciato la Käfertal in direzione di Fusch. L’acqua della neve aveva concluso il nostro viaggio nella Käfertal per quel giorno. Decidemmo di rivederci dopo una breve pausa pranzo. Dopo aver parlato di Dio e del mondo nel corso della mattinata, ovviamente del mondo della pesca a mosca, ho pensato di occupare Erich con la sezione dell’economia degli orsi. Ci siamo incontrati di nuovo prima di cena per scambiare opinioni.

Il Fuscher Ache come un ottimo insegnante

“Era esattamente come avevi previsto”, mi dice Erich. Gli avevo consigliato di pescare in certi posti e di usare anche certe mosche. Dato che è stato a Fusch solo per tre giorni, non abbiamo avuto molto tempo per pescare il resto del tratto. L’intera lunghezza dell’Ache è in realtà di 28 chilometri.

Puoi andare a pescare più spesso lì. La cosa interessante del Fuscher Ache è che ad ogni livello dell’acqua sorgono diverse situazioni di pesca. Nel tempo rimanente abbiamo pescato quasi due terzi del percorso. Sfortunatamente, abbastanza rapidamente. Nel tratto prima di Bruck, un tratto di circa un chilometro in cui avevo lasciato Erich da solo a pescare e dove sapevo che c’era sempre da aspettarsi il pesce, Erich non ebbe così tanto successo. Questo mi ha messo in dubbio. Quindi ho pensato a qualcosa. Avevo con me il mio laboratorio di rilegatura e anche l’ultimo numero di una rivista di pesca a mosca dalla Francia.

C’erano quattro modelli autunnali inclusi, classici ben noti che sono stati rilegati dal mio amico Gerard Piquard, usando solo un metodo di rilegatura diverso. Ho legato questo e una semplice ninfa la sera per testarli al mattino. Sono tornato nello stesso posto con Erich ed ecco, ha funzionato.

I pesci erano improvvisamente lì. Non grandi, solo sottodimensionati, ma hanno mostrato interesse per le mosche. Ho poi regalato la ninfa a Erich come ricordo delle belle giornate sul Fuscher Ache. Siamo ancora in contatto tra di noi e Hubert era felice che il Fuscher Ache fosse conosciuto ben oltre il confine austriaco. La conclusione di Erich fu: niente acqua da pesca per tutti; devi prima sentire la tua strada. Sì, l’Ache ha le sue regole. E la mia opinione, che prendo sempre: Il Fuscher Ache è un ottimo insegnante.

Pescatori a mosca tra di loro

Ed è andato avanti. Nella mia mente stavo ancora pensando al tempo meraviglioso che avevo passato con Erich quando il tempo era cambiato e una bassa stagione aveva interrotto l’ora legale. Vento, pioggia e neve hanno dominato il paesaggio montano per ben due giorni. Ho usato il tempo per costruire mosche che avevo promesso a Werner. Durante il fine settimana anche Werner è tornato dalla sua vacanza di pesca e abbiamo avuto abbastanza cose per parlare di pesca a mosca. Quando il tempo si calmò di nuovo e tornò la fine dell’estate, decisi, su richiesta di Werner, di pescare il tratto dal ponte Trauner alle sorgenti dell’Ache. Il pesce che ho trovato lì è stato molto piacevole e la sera stavo raccontando tutto a Werner. Stavamo cenando e all’improvviso Rudi mi si è avvicinato, mi ha passato il telefono e mi ha detto: “Ti chiamo”. Pensavo stesse scherzando. Ero in vacanza e nessuno sapeva dove fossi. “Chi è al telefono?”, chiesi stupito a Rudi. “Un certo Günter,” rispose Rudi. Conosco un po’ di Gunter. Quando ho preso il telefono, ho parlato con un amico del tavolo dei clienti abituali di pesca a mosca a Fürstenfeldbruck. Avevo fatto un po’ di pubblicità per il Fuscher Ache al tavolo dei clienti abituali e uno di loro ha davvero osato venire lì a pescare. Aveva soggiornato all’Hotel Lamphäusel e poiché a Fusch parecchie persone mi conoscono, la mia presenza non poteva essere trascurata. Werner è al fianco di ogni pescatore a mosca con parole e fatti, ma mentre ero già lì, Günter è venuto da me e mi ha chiesto di accompagnarlo in acqua.

Un fiume sorge dal centro

Come Erich qualche giorno prima, ho mostrato a Günter i piccoli segreti del Fuscher Ache. Günter si rese subito conto che in questo modo si potevano ottenere molti consigli. Sì, devi ammettere che senza invidia, il Fuscher Ache ha reso tanti disperati. Quando l’ho accompagnato in acqua, abbiamo passato un luogo dove la posizione dei sassi nell’acqua costituisce un’ottima riserva di trote. Conosco il posto da anni ed è sempre stato dimora di alcune trote, ottimo come rifugio diurno e altrettanto buono come luogo di attesa per tutto ciò che porta la corrente. Questo spot è sempre diverso dalla normale pesca e dal lancio senza essere visti. Ora, con il livello dell’acqua relativamente basso e uno scivolone caddis, cosa insolita per il periodo dell’anno, non potevo immaginare che non ci fossero pesci. Sia Erich che questa volta Günter passarono di lì senza prestarvi la dovuta attenzione. Quando ero lì con Günter, ho pensato tra me e me: c’è qualcosa che non va.

Ho lasciato l’altra sponda del fiume a Günter. Era anche la migliore, e per l’ospite, pensavo, doveva essere così. Dall’altro lato potevo vedere il movimento nell’acqua. La trota era lì e non poteva resistere alla schiusa quasi estrema prima dell’inizio dell’inverno. Le mosche sono atterrate ripetutamente sull’acqua o vicino alla riva. Fino ad allora, ho pescato con un caddis con un corpo rosso mattone e ali grigio-marroni. L’aria brulicava di loro. Mi è venuto in mente, come molti pescatori a mosca in acqua, di cambiare la mosca. Ho cercato nella mia scatola per mosche e i miei occhi hanno catturato uno schema caddi. Il motivo era effettivamente rilegato normalmente, solo fatto di materiali diversi da quelli normalmente rilegati. Li ho rilegati in una fiera a Salisburgo perché un visitatore mi ha chiesto se per la rilegatura si potessero usare altri materiali rispetto a quelli suggeriti dai libri di rilegatura. Gli ho mostrato com’era ed è uscita una mosca atterrando con le ali quasi distese. Un modello brillante. Mi ricorda sempre la mosca del film “From the Middle A River” con cui Brad Pitt ha catturato la grossa trota.

Ho legato la mosca al leader, ma non ho lanciato direttamente il punto mirato. Un paio di tiri per ispezionare gli altri punti. Ho tenuto gli occhi sulla corrente e ho lanciato la mosca proprio davanti ai due sassi che formano un piccolo tunnel come un riparo quasi al limite della corrente. Dato che c’era un po’ di acqua sotto una pietra, l’acqua qui era a volte calma, a volte leggermente ondulata. Quando la mosca è atterrata lì, sembrava che fosse stata una vera. L’acqua impetuosa l’ha messa in moto e poi è successo: dal dilavamento è venuta la trota pezzata rossa con la bocca aperta e con la certezza di portare con sé la mosca che le apparteneva. Ho davvero la pelle d’oca. Il pesce non era grande, circa 12 pollici, ma non dimenticherò come è successo tutto. È stato il culmine di questa giornata e la fine della stagione di pesca 2018 sul Fuscher Ache: momenti indimenticabili nella vita di un pescatore a mosca. La sera in albergo ho incontrato di nuovo Werner, che voleva sempre da me un piccolo resoconto per tenersi aggiornato, e gli ho raccontato la mia storia. Era contento. Un giorno dopo le vacanze erano finite e sapevo che sarei tornato l’anno prossimo, come ogni anno.

ah! Quasi dimenticavo una cosa: ti chiederai sicuramente quali modelli di mosca sono i migliori da catturare sul Fuscher Ache e quali canne vengono utilizzate. Semplicemente: i modelli sono forniti dalla natura. Nella Käfertal ci sono coleotteri che i pesci conoscono, così come le grandissime mosche di pietra marrone che volano ovunque nei mesi estivi. Come ovunque, è importante osservare il movimento degli insetti nell’aria. Altrimenti usa modelli grigi dalle mosche della sella agli scalatori. E le canne: nella Käfertal pesco con le classi da 3 a 4. Nel corso inferiore, una canna da cinque o sei è sempre buona. È ben fornito e ci sono già alcuni pesci di 50 cm o più.

Posso solo consigliare il Fuscher Ache a tutti. Non te ne pentirai e tornerai sicuramente. Magari d’estate ci incontreremo per andare a pescare o la sera all’Hotel Ponyhof per ammazzare le mosche. Chi lo sa…?

Saluti a te e Petri Heil!
Adrian, pescatore a mosca bavarese

FISCHWASSER

BUONI

Buono web AFW

FISCHWASSER

ONLINE CATALOGO

FISCHWASSER

CATALOGO 2022/23

Clicca qui per la nostra

Newsletter

AVVENTURA IN ACQUA DI PESCE – Austria

Ossiacher-See-Süduferstaße 59-61
9523 Landskron, Villach Austria

+43 4242 44 200 – 30
info@fischwasser.com

Puoi venire a trovarci anche su: