La seconda parte della nostra serie “Pesca sostenibile” è stata dedicata alla cattura del pesce in modo indipendente. In questo post, ora integriamo l’argomento con informazioni sull’uso delle esche in gomma e su quali alternative sono disponibili qui …

Gli appassionati di soft bait lo sanno: il profumo chimico che fuoriesce dall’esca non è un piacere. Dopotutto, questi sono plastificanti che mantengono la gomma flessibile. Se si perde l’esca – come spesso accade quando si pesca il lucioperca in fiumi con argini massicci – una buona porzione di plastica, plastificanti compresi, finisce in acqua.

Gomme: non tossiche in aumento

Da alcuni anni, i produttori stanno cercando di trovare alternative “sane e prive di sostanze inquinanti”. Ad esempio , “Jigfreak” dall’Austria o “FlexiFix” e “Iron Claw” (cantante) dalla Germania producono, secondo le loro stesse dichiarazioni, prodotti “non tossici”.

È ovvio che la plastica non è “sana” nell’acqua. Lascia al senso di responsabilità del pescatore se pescare o meno in sezioni d’acqua particolarmente difficili.

Il nostro prossimo argomento: “Foraggio: con misura e scopo”

Il prossimo focus tematico “Pesca Sostenibile”, che vorremmo avvicinarvi, ruota attorno all’uso moderato di mangime e perché quantità eccessive di mangime possono essere pericolose…

© Testo: Stefan Tesch, Fisch Ahoi: www.fischahoi.at